Sassuolo: rimossi i contenitori per la raccolta di deiezioni canine, inutilizzati e danneggiati da tempo


cartellodeiezioniSono stati rimossi in questi giorni gli ultimi tre contenitori presenti sul territorio per la raccolta delle deiezioni canine, in quanto danneggiati e inutilizzati dai cittadini.  Le strutture erano posizionate all’interno dell’area sgambatura cani del parco Albero d’Oro, al parco Ducale e nell’area verde di via Radici in Piano angolo via Boulanger.

“Da tempo – sottolinea l’Assessore all’Ambiente del Comune di Sassuolo Sonia Pistoni – i vecchi distributori di sacchetti venivano manomessi e danneggiati e, non essendoci una servizio gestito di pulizia e manutenzione rappresentavano un elemento evidente di degrado per i parchi cittadini. Per questo motivo abbiamo ritenuto utile rimuoverli e non sostituirli, proprio per evitare il ripresentarsi di questa situazione: ogni cittadino dovrà essere dotato del sacchetto e conferirlo, chiuso, nei normali cestini per i rifiuti”.

E’ fatto obbligo, infatti, per tutti i cittadini detentori di cani che utilizzano le aree pubbliche, di raccogliere le deiezioni canine (utilizzando un sacchetto o strumento idoneo) e conferirle all’interno dei cestini portarifiuti presenti in tutte le aree verdi pubbliche o nei cassonetti per la raccolta indifferenziata posti sulle sedi stradali .
I detentori dovranno avere in dotazione un numero di sacchetti sufficienti a garantire il recupero delle deiezioni per tutto il tempo di fruizione delle aree pubbliche e il conferimento all’interno dei cassonetti o i cestini portarifiuti dovrà essere fatto avendo l’accortezza di richiudere l’involucro utilizzato onde innescare problematiche di igiene pubblica.
“Il rispetto delle poche regole previste – sottolinea l’Assessore Sonia Pistoni – pone le basi per una civile e pacifica convivenza tra cittadini, riducendo anche la conflittualità che spesso emerge tra i proprietari dei cani e gli “altri”, ma soprattutto non si discostano da quelle che già un proprietario e/o conduttore “educato” e di buon senso normalmente osserva, senza necessità di cartelli o di vigilanti alle spalle”.

L’art.30 c.6 lett. d) del Regolamento del Verde in vigore presso il Comune di Sassuolo (approvato con D.C.C. n.26 del 25.03.2014):
I proprietari o detentori a qualsiasi titolo dei cani, all’interno di qualsiasi area pubblica o ad uso pubblico, hanno l’obbligo di:
a) condurre gli animali al guinzaglio (fatte salve le aree destinate allo sgambamento);
b) detenere sempre la museruola (rigida o morbida) da applicare in caso di potenziale pericolo;
c) raccogliere gli escrementi prodotti dagli animali in modo da mantenere e preservare lo stato di igiene e decoro del luogo;
d) detenere apposita paletta o strumento idoneo per la raccolta degli escrementi, da mostrare su richiesta degli Agenti di vigilanza.

L’art.37 c.1 del Regolamento Comunale di Polizia Urbana (che prescrive l’obbligo di raccolta delle deiezioni), ne sanziona il mancato rispetto.
Estratto del Regolamento Comunale di Polizia Urbana

TITOLO V: ANIMALI
ART.37 – Custodia, tutela e pascolo degli animali
1. Ai proprietari degli animali o a chiunque li abbia in custodia è fatto obbligo di rimuovere le loro deiezioni che abbiano sporcato i portici, marciapiedi o altri spazi pubblici.
La violazione dell’art.37 c.1 comporta una sanzione amministrativa da Euro 25,00 a Euro 150,00 e l’obbligo di rimessa in pristino dei luoghi.

L’obbligo di raccolta delle deiezioni vige anche all’interno delle aree sgambatura cani presenti sul territorio comunale (art.31 del Regolamento del verde).

1. L’accesso alle aree di sgambamento è consentito a tutti i cani accompagnati e regolarmente iscritti all’anagrafe canina, curati e vaccinati.
2. All’interno delle aree gli accompagnatori dei cani devono essere muniti di guinzaglio e trattenere gli animali ogni qualvolta se ne presenti la necessità, a tutela dell’incolumità delle persone e degli animali.
3. All’interno delle aree, i cani possono essere liberati da guinzaglio e museruola, sotto il controllo e la completa responsabilità dell’accompagnatore, nel rispetto degli altri frequentatori.
4. All’interno delle aree vi è inoltre l’obbligo di:
a) custodire i cani in modo da non molestare persone e/o altri animali o provocare danni alle attrezzature e al verde;
b) raccogliere gli escrementi e conferirli negli appositi contenitori portarifiuti;
c) avere cura di tenere chiuso il cancello una volta entrati o usciti;
d) non abbandonare alimenti per animali, oggetti e/o rifiuti di qualsiasi genere;
e) non addestrare cani da caccia, difesa o guardia così come previsto dalle norme e leggi vigenti.
5. Le responsabilità civili e penali per eventuali danni procurati dai cani sono esclusivamente a carico dei rispettivi proprietari.
6. Gli addetti alla vigilanza possono, qualora ravvisino pericolo per la pubblica incolumità, disporre l’immediato allontanamento dei cani dalle aree di sgambamento, ovvero ordinare ai proprietari l’uso congiunto della museruola e del guinzaglio.

Nei prossimi mesi verranno collocati, nei punti più sensibili del territorio, alcuni cartelli plastificati (in formato A3) a sottolineare/ricordare gli obblighi prescritti dai Regolamenti Comunali in merito alla raccolta delle deiezioni con l’obiettivo di migliorare il decoro urbano e contemperare le esigenze e i diritti degli animali con le esigenze dell’intera comunità cittadina.