Radioterapia, assistenza garantita al Policlinico di Modena. A Carpi attività interrotta a causa di una infiltrazione di acqua


In relazione alle notizie apparse su un quotidiano locale relative alla Radioterapia presso l’Ospedale Ramazzini, le aziende sanitarie modenesi confermano che l’attività di radioterapia presso la sede di Carpi è stata interrotta a causa di un’infiltrazione d’acqua.

I tecnici sono al lavoro per individuare la causa del problema: vista però la delicatezza dell’attività svolta, per garantire la totale sicurezza dei pazienti e degli operatori, si stanno effettuando tutte le necessarie verifiche e solo al termine di queste ultime sarà deciso il giorno della riattivazione.

Rispetto all’assistenza ai pazienti, l’attività è stata sempre garantita dall’Unità Operativa di Radioterapia del Policlinico di Modena e sono state messe in atto tutte le misure organizzative per ridurre al minimo i disagi ai pazienti, in particolare un servizio di navetta da Carpi a Modena.

Le aziende sanitarie, USL e Policlinico, nel confermare che stanno operando con il massimo impegno per assicurare la ripresa dell’attività presso la sede di Carpi, colgono l’occasione per scusarsi per i disagi subiti dai pazienti e dai loro familiari.