Lunedì a Modena giornata di formazione dedicata al programma di ricerca Marie Skłodowska Curie

L’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, assieme ad Aster ed all’Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea – Apre, promuovono una giornata di formazione nel corso della quale saranno illustrate le nuove opportunità formative proposte dal Programma Marie Skłodowska Curie all’interno di H2020, il programma di Ricerca e Innovazione dell’Unione Europea 2014 -2020.

All’evento dal titolo “Horizon 2020 i programmi Marie S. Curie e il dottorato: un gioco senza frontiere” , che si terrà lunedì 6 ottobre 2014 alle ore 9.00 presso l’Aula Convegni del Complesso San Geminiano (via San Geminiano, 3 – primo piano) a Modena, sarà approfondito il tema relativo al Dottorato industriale che vede una forte collaborazione tra industria e mondo accademico.

“Negli ultimi anni  – afferma il prof. Umberto Del Pennino dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia – il programma Marie Curie ha permesso a molti ricercatori europei, in gran parte giovanissimi,  di intraprendere  o sviluppare un’attività di ricerca in un paese diverso dal loro, presso centri di eccellenza riconosciuti tali dalla Comunità Europea. Ovviamente un grande vantaggio è derivato sia al beneficiario dell’azione  che all’ente ospitante dal reciproco  scambio di esperienze e di conoscenze. In particolare tanti neo-laureati hanno potuto  svolgere l’attività di ricerca per il conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca (PhD) presso un ateneo o centro di ricerca estero. Ora l’azione Marie Curie viene ampliata per comprendere anche i dottorati industriali, una grande novità degli ultimi anni, che sta per decollare, ci auguriamo con successo,   in una realtà come la nostra, nella quale la collaborazione tra Università e Industria è già ben collaudata.  Come detto, l’azione è transnazionale  per cui auspichiamo che diversi neo-laureati  stranieri chiedano di poter venire presso UNIMORE per svolgere un dottorato che li porterà a contatto con il  settore privato e ad integrare la loro formazione con altre competenze o discipline utili per la loro carriera”.

L’iniziativa, che sarà aperta dai saluti del Rettore di UNIMORE prof. Angelo Oreste Andrisano e vedrà la partecipazione della dott.ssa Nicoletta Amodio di Confindustria Nazionale che approfondirà “Il dottorato industriale in ambito Programma PEOPLE”, una azione dedicata alla mobilità dei ricercatori nel quadro del Programma Horizon 2020.

La giornata di formazione vedrà trattare, in particolare le Azioni Marie Sklodowska-Curie – MSCA, ovvero il sostegno della Commissione europea alla mobilità transfrontaliera, rivolto a diverse tipologie di attori: ricercatori e staff R&I, università, centri di ricerca e imprese. Sarà, inoltre,  affrontata la MSCA Innovative Training Networks – ITN, rivolta alle reti finalizzate a formare una nuova generazione di ricercatori in fase di early-stage, sviluppando le loro capacità imprenditoriali e in termini di innovazione, al fine di facilitare il processo di conversione delle idee in prodotti e servizi innovativi. Nella formulazione della nuova programmazione viene fortemente incoraggiata la partecipazione delle imprese, specie le PMI, considerata fattore premiante per incrementare il tasso di successo delle iniziative.

Il programma della giornata, che inizierà alle ore 9.00 prevede i seguenti interventi:

I progetti MSCA in H2020: la performance di UNIMORE a cura dell’ Ufficio Ricerca UNIMORE;

Le diverse azioni in ambito MSCA: ITN, IF, RISE a cura del Dott. Angelo D’Agostino – APRE;

L’ Esperienza di Individual Fellowship a cura del Dott. Jonathan Vinet e prof. Giuseppe Biagini – UNIMORE;

Conoscere il processo di valutazione per costruire una proposta di successo a cura del dott. Ciro Franco – Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale (OGS);

Le problematiche della normativa italiana riguardo il riconoscimento dei dottorati Marie Curie in Italia a cura del prof. Giorgio Vitetta di UNIMORE;

Il dottorato industriale in ambito Programma PEOPLE a cura della dott.ssa Nicoletta Amodio di CONFINDUSTRIA Nazionale;

I servizi dello Sportello APRE Emilia-Romagna a cura della dott.ssa Viorika Dishnica di ASTER;

I requisiti per una proposta di industrial doctorate MSCA vincente del dott. Angelo D’Agostino di APRE in collaborazione con l’Ufficio Ricerca UNIMORE

 

La partecipazione al seminario, che rientra nelle attività del Tavolo Soci Apre Emilia Romagna e promosso da Aster nel suo ruolo di sportello regionale che fornisce informazione, orientamento e supporto per la partecipazione ad Horizon 2020,  è gratuita e aperta a tutto il personale degli enti soci APRE Emilia-Romagna.

Per prendere parte all’iniziativa è richiesta l’iscrizione via mail a ufficioricerca@unimore.it – Per maggiori informazioni consultare il sito http://www.ricerca.unimore.it/site/home.html