Unioncamere Emilia-Romagna seconda al concorso European Enterprise Promotion Awards

secondo-posto-unioncamereDall’Assemblea Europea delle PMI, in corso a Napoli nell’ambito del semestre di Presidenza italiana dell’UE, arriva un riconoscimento alla progettualità e alla capacità del Sistema Camerale di sostenere le imprese in stretta connessione a istituzioni e associazioni imprenditoriali. Tra i 22 finalisti dell’ottava edizione dell’European Enterprise Promotion Awards selezionati su alcune centinaia, si sono fatti onore i due progetti delle Camere di commercio.

“Mirabilia” della Camera di commercio di Matera, capofila di altri nove enti camerali (Brindisi, Genova, La Spezia, Messina, Padova, Perugia, Salerno, Udine e Vicenza) si è aggiudicato il primo posto nella sezione “Sostegno all’internazionalizzazione delle imprese”, mentre “Crescere e competere con il contratto di rete” di Unioncamere regionale e Camere di commercio dell’Emilia-Romagna è arrivato secondo nella categoria “Sviluppo del contesto imprenditoriale”.

Una medaglia d’oro e una di argento significative perché per la prima volta due iniziative del sistema camerale finaliste sono state entrambe premiate. Per una Unione regionale poi è una novità assoluta.

I riconoscimenti sono giunti al termine di una lunga selezione, prima a livello nazionale da parte del Ministero dello Sviluppo Economico che aveva attribuito il massimo punteggio (100/100) ai due progetti camerali e poi da una qualificata giuria, presieduta da Joanna Drake della DG Imprese della Commissione Europea e composta da imprenditori, rappresentati di governo e del mondo accademico che li ha inseriti nella “short list” conclusiva individuandoli tra una cinquantina di iniziative scelte nei Paesi membri. I riconoscimenti sono stati consegnati nel corso dell’Assemblea delle PMI, a cui hanno partecipato i massimi rappresentanti dell’Unione Europea, il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano e il Ministro dell’Economia Federica Guidi.

“L’Italia ha ottenuto un successo importante grazie a due iniziative che contribuiscono a creare un ambiente favorevole per lo sviluppo dell’imprenditorialità – afferma Antonello Lapalorcia, dirigente del Ministero dello Sviluppo Economico e componente della Giuria europea – I progetti sono entrambi forti e validi, basati su una logica di rete, e confermano la capacità progettuale del sistema camerale. E’ rilevante che ciò accada in occasione della Presidenza di turno dell’Italia in Europa, momento in cui possiamo portare avanti con forza l’immagine di come sappiamo fare impresa”.

I Premi Europei per la promozione di impresa mettono al centro l’innovazione e la creatività delle PMI, che, secondo le ultime ricerche, continuano a essere la spina dorsale dell’economia europea: rappresentano infatti più del 99,8% di tutte le imprese.

“La scelta della Commissione Europea rappresenta una gratificazione per il lavoro svolto. – dice il segretario generale di Unioncamere Emilia-Romagna, Claudio Pasini – Conferma la validità e l’efficacia dei progetti messi in campo dalle Camere di commercio e dalle loro Unioni regionali per la promozione e il sostegno dell’imprenditoria. Il contratto di rete – conclude Pasini – è entrato nel bagaglio di strumenti che gli imprenditori utilizzano per organizzare meglio la propria attività economica. “Crescere e competere con il contratto di rete” rappresenta un esempio di buone pratiche e di efficace sinergia tra sistema camerale, mondo associativo e istituzioni per promuovere l’economia dei territori”.

Il progetto “Crescere e competere con il contratto di rete” – avviato nell’ambito dell’Accordo di programma tra Unioncamere e Ministero dello Sviluppo Economico, a valere sui finanziamenti del fondo di perequazione del sistema camerale – consente di supportare le PMI orientate ad avviare o consolidare processi di collaborazione e aggregazione attraverso il contratto di rete.

I promotori dell’iniziativa sono le Camere di commercio dell’Emilia-Romagna (Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena, Modena, Parma, Piacenza, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini) e la loro Unione regionale con il supporto scientifico di Universitas Mercatorum (l’Università telematica del sistema camerale).

Ricercando le più ampie collaborazioni, il sistema camerale regionale ha condiviso il progetto con le associazioni di rappresentanza delle imprese e con le aziende di credito per rendere più efficace l’utilizzo degli strumenti di formazione e informazione rivolti ad imprenditori, funzionari pubblici e liberi professionisti.

Alcuni numeri del progetto, articolato su due annualità:

oltre 1.100 partecipanti formati;
158 le aziende, interessate alla costituzione di reti d’impresa, che hanno partecipato ai percorsi di consulenza e assistenza personalizzati:
28 le bozze di contratti di rete predisposte
12 nuovi contratti di rete sottoscritti, con la partecipazione di 50 imprese
realizzata la guida “Contratti di rete. Istruzioni per l’uso”, vera e propria “cassetta degli attrezzi”, contenente tra l’altro l’evoluzione della normativa di riferimento.