Ospedale Regina Margherita Castelfranco: “Consiglio comunale del 6 Novembre 2014: tutto da rifare!”


UNITI-PER-OSPEDALEMentre la Giunta Comunale e il PD Castelfranchese si vantano di aver votato favorevolmente al progetto dell’AUSL di trasformare l’ Ospedale Regina Margherita in Casa della Salute Grande (Poliambulatori), Hospice (14 posti letto per terminali oncologici) e OS.CO (Ospedale di Comunità con 20 posti letto, in pratica una RSA) noi, come ben noto, vorremmo invece che si procedesse in direzione opposta, previo annullamento delle deliberazioni AUSL per poi realizzare un progetto che preveda il: POTENZIAMENTO DELL’OSPEDALE REGINA MARGHERITA A PARTIRE DAL REPARTO DI MEDICINA, CHE METTA LA STRUTTURA AL RIPARO DA “TAGLI E SOPPRESSIONI” NONCHE’ AL FINE DI OTTENERE UN SERVIZIO DI PRONTO SOCCORSO H24 E IDONEO ALLA DIAGNOSI E ALLA CURA RAPIDA DELLE URGENZE ED EMERGENZE MEDICHE E TRAUMATOLOGICHE”.

Contrariamente a quanto sostenuto dal PD, mai abbiamo scelto la via dello scontro e questo e dimostrato dai fatti: abbiamo fatto proposte nelle sedi istituzionali così da determinare la convocazione di un Consiglio Comunale che, altrimenti mai ci sarebbe stato.

L’argomento “Ospedale e Sanità” è troppo importante per la collettività, non ha colore politico e proprio per questo stiamo sostenendo la petizione popolare “CHE IL REGINA MARGHERITA RESTI OSPEDALE”, (Gruppi Consigliari Lega Nord, Movimento Cinque Stelle, Lista Civica Frazioni e Castelfranco e Rosanna Righini Consigliere Comunale di Forza Italia) .

Non accettiamo l’atteggiamento arrogante e antidemocratico del Gruppo Consigliare PD che, nonostante le opposizioni nel corso della Conferenza Capigruppo svoltasi immediatamente dopo la sospensione della seduta avessero espressamente chiesto il rinvio del Consiglio Comunale a nuova data non essendoci più le condizioni necessarie per condurre la trattazione degli argomenti con la pacatezza che essi meritavano, non hanno voluto accogliere la nostra richiesta, ragion per cui siamo stati costretti a lasciare l’aula. Al contempo, senza neppure mettere ai voti la prosecuzione della seduta come previsto da regolamento , si consentiva la “farsa” del dibattito, svolto dalla sola maggioranza, e delle conseguenti votazioni delle delibere proposte “a senso unico”.

Noi per primi avremmo voluto trattare i nostri Ordini del Giorno, noi per primi avremmo voluto assolvere il nostro ruolo Istituzionale, basti pensare, come già detto, che quel Consiglio sul tema Ospedale si è tenuto solo grazie all’iniziativa delle opposizioni e non certo per raggiungere un “risultato mediatico” che poco ci  importa. Dei due, la “mediaticità” è stata cercata proprio dal PD che non ha perso tempo per “sparare” addosso alle opposizioni/minoranze accusandole di essere state le artifici delle “doglianze” popolari come se i cittadini presenti in aula fossero al loro “servizio” e non fossero in grado di pensare da soli. Forse agli stessi cittadini non erano piaciute né le “parole” pronunciate con leggerezza e, soprattutto, il progetto di riconversione tanto sponsorizzato dal PD.

A nostro avviso ed a norma del Regolamento sul funzionamento del Consiglio Comunale, quella seduta andava gestita diversamente ed il Presidente, cui spetta il mantenimento dell’ordine nella sala destinata al pubblico, avrebbe dovuto interromperla ben prima: già durante l’intervento del Consigliere Petrucci si capiva che non vi erano più le condizioni per continuare il dibattito con la pacatezza necessaria  ed essendo un dibattito importante, non doveva essere continuato senza le opposizioni.

Per questo motivo, abbiamo presentato  ISTANZA DI ANNULLAMENTO DELLE DELIBERE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 06.11.2014 IN SEDE DI AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA AFFINCHE’ IL CONSIGLIO COMUNALE PROCEDA AL LORO RIESAME ED ANNULLAMENTO E A RICALENDARIZZARNE LA DISCUSSIONE IN ALTRA DATA. Detta istanza è trasmessa oltre che al Presidente del Consiglio, al Sindaco e al Segretario Generale  anche al Prefetto di Modena affinché vigili sul rispetto del Regolamento e delle leggi sovraordinate.

Il PD ancora una volta ha dimostrato di essere Democratico solo a parole e non nei fatti !!!

Attendiamo la riconvocazione del Consiglio sul tema “OSPEDALE” perché in Democrazia si discute, si dibatte soprattutto con chi propone e poi si vota e non lo si fa in loro assenza.

 

(Gruppi Consigliari Lega Nord, Movimento Cinque Stelle, Lista Civica Frazioni e Castelfranco e Rosanna Righini Consigliere Comunale di Forza Italia)