mercoledì, 17 Aprile 2024
8.8 C
Comune di Sassuolo
HomeSi spaccia per cittadino russo incensurato ma è un georgiano pregiudicato con...




Si spaccia per cittadino russo incensurato ma è un georgiano pregiudicato con strumenti da scasso: arrestato a Reggio Emilia

carabinieri-sequestroFermato dai carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Reggio Emilia si è spacciato per cittadino russo incensurato: si è rivelato invece un cittadino georgiano con una sfilza di precedenti di polizia per vari reati tra cui furti in abitazione. Il rinvenimento nel vano motore di un borsello con strumenti da scasso, congiunto al nervosismo trapelato dal volto dell’uomo ha insospettito gli operanti che al riguardo lo hanno condotto in caserma. L’esito delle indagini dattiloscopiche sulle sue impronte digitali hanno rivelato la sua reale identità accertando di conseguenza che aveva fornito false generalità. Con l’accusa di false attestazioni a pubblico ufficiale sulla identità personale e possesso di strumenti atti allo scasso i Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Reggio Emilia hanno arrestato il cittadino georgiano R.Z., 22enne in Italia senza fissa dimora, ristretto al termine delle formalità di rito a disposizione della Procura reggiana.

L’origine dei fatti ieri intorno alle 08.45 quando nel corso di un controllo alla circolazione stradale eseguito in via Lincoln di Reggio Emilia i Carabinieri del Nucleo Radiomobile fermavano un’autovettura Opel Kadett con targa svizzera. Durante le procedure di identificazione un cittadino asseritamente russo forniva le generalità ai Carabinieri sostenendo di essere sprovvisto di documenti. Tuttavia la circostanza della presenza nel vano motore di un borsello con strumenti da scasso e chiavi passe-partout per l’apertura di porta blindate ha insospettito gli operanti che conducevano l’uomo in caserma per sottoporlo ai rilievi dattiloscopici. Tali verifiche permettevano di acclarare che il cittadino russo veniva identificato per il sunnominato 22enne georgiano come peraltro risultato al Ministero degli Affari Interni della Georgia. Alla luce di tutto ciò e considerato che il 22enne aveva dichiarato false identità, veniva dichiarato in arresto. Con la reale identità cambiava anche lo status giuridico dell’interessato che con le false generalità risultava incensurato mentre con l’identità scoperta dai Carabinieri risultava censito alla banca per vari reati in particolare contro il patrimonio (furti in abitazione). Il possesso del borsello con strumenti da scasso quindi non era un caso. Tra i vari oggetti sequestrati all’uomo, vi erano anche una “key bumping”, detta “chiave magica”, usata per aprire le serrature con cilindro a “profilo europeo” e il cosiddetto “grimaldello bulgaro” di solito usato per aprire le serrature a “doppia mandata”.

La posizione del georgiano è ora al vaglio dei Carabinieri reggiani che vogliono verificare se l’uomo nel recente passato si sia reso responsabile di furti in abitazione. Al riguardo concordanti elementi potranno ottenersi dalle impronte dell’arrestato con quelle repertate in sede di sopralluogo nelle abitazioni svaligiate.

Ora in onda:
________________












Ultime notizie