“Parliamo di Bibbiano”: la Giunta chiarisce


“Non è uno slogan da t-shirt. E’ la nostra volontà di chiarire, ci auguriamo una volta per tutte, cosa è Bibbiano. Lo facciamo, ancora, a modo nostro. Troppi slogan scomposti sono già stati gridati, troppi giudizi affrettati, troppe accuse infamanti e gratuite. Il nostro “silenzio”, come è stato interpretato da qualcuno, è l’espressione vera e sincera del nostro pieno, reale e convinto rispetto nei confronti di una situazione estremamente delicata e complessa. E’ rispetto nei confronti dei bambini. E’ rispetto, anche, aggiungiamo, nei confronti della Magistratura che sta svolgendo il suo lavoro e ci auguriamo lo possa fare nel modo più sereno e celere possibile. Rappresentiamo, a seguito di un ampio consenso elettorale, l’intera comunità di Bibbiano. Ne siamo orgogliosi. Per questo abbiamo il dovere, non solo il diritto, di tutelarne il buon nome e l’onorabilità della sua gente, il bene e il bello che c’è. E ce n’è tanto, a Bibbiano”. Così la Giunta comunale di Bibbiano (Paola Delfina Tognoni, Loretta Bellelli, Emillo Catellani, Matteo Curti)

“Stiamo adottando, con assoluta e convinta determinazione, ogni azione possibile, volta a garantire a Bibbiano e ai bibbianesi il rispetto che meritano – prosegue la Giunta bibbianese – Non ci preoccupiamo di riempire pagine di giornali o social. Ci preoccupiamo del fatto che la verità emerga presto. Ci preoccupiamo del fatto che i minori siano tutelati e rispettati. Senza slogan o proclami, ma onorando gli impegni che ci siamo assunti con i cittadini. E’ in corso la nomina degli avvocati. Chi conosce la pubblica amministrazione sa che tale nomina va fatta secondo procedure ben definite, e definite per legge. Così stiamo facendo noi, senza forzare i tempi necessari. Crediamo nella Costituzione, nello stato di diritto e nella Giustizia. Per questo, silenziosamente e con il massimo rispetto per tutti, attendiamo che verità e giustizia prevalgano”, concludono Tognoni, Bellelli, Catellani e Curti.