Sindacalista ivoriano in Italia per testimoniare la difficile condizione del lavoro in Costa D’Avorio


Si è svolto questa mattina presso la Cgil di Modena un incontro tra una delegazione composta da Cgil Emilia Romagna, Flc Cgil di Modena, la Onlus “Africa Libera” e Alain Charles Kla, segretario generale del SYLEG, il sindacato delle scuole secondarie della Costa D’Avorio, in occasione della sua visita in Italia.

L’incontro si inserisce nel solco delle relazioni della Cgil dell’Emilia Romagna con sindacati di altri paesi e dei progetti di solidarietà e cooperazione internazionale.

Il sindacalista ivoriano ha illustrato la difficile e complicata storia del Paese, prima colonia francese poi, in seguito all’ottenimento dell’indipendenza, devastato dalla guerra. Oggi la Costa D’Avorio vive una situazione di equilibri molto precari dove le differenze sociali sono elevatissime e ancora lunga è la strada per la realizzazione della piena libertà e dignità dei suoi cittadini e lavoratori e lavoratrici, anche di quelli dipendenti dalle amministrazioni dello stato.

Drammatica la situazione nelle scuole dove si fa lezione a classi che hanno fino a 120 studenti, le strutture e le attrezzature sono praticamente inesistenti e chi partecipa alle lezioni lo fa seduto per terra. Questo in un contesto in cui le famiglie appartenenti alle classi dirigenti del paese, mandano i propri figli a studiare e formarsi all’estero.

Fiorella Prodi, segretaria regionale della Cgil e presidente della ONG Nexus Solidarietà Internazionale Emilia Romagna evidenziato l’attenzione e la vicinanza della Cgil Emilia Romagna verso le esperienze sindacali dei paesi dove le democrazie sono più fragili e i diritti del lavoro e di lavoratori e lavoratrici ancora negati. Da qui l’impegno a coltivare relazioni che, anche con il coinvolgimento del livello nazionale, sostengano il movimento dei lavoratori nei paesi dove non c’è una democrazia compiuta e le libertà, dei lavoratori e dei cittadini, sono minate dalle fondamenta.

Claudio Riso, segretario provinciale della Flc Cgil di Modena ha sottolineato come, in ogni paese del mondo, il ruolo dell’istruzione, della conoscenza e dei saperi sia fondamentale per realizzare qualunque democrazia e per garantire la libertà delle persone. Per questo il ruolo della scuola e degli insegnanti e indispensabile oltre che per la trasmissione dei saperi anche e soprattutto per realizzare la dignità delle persone.

All’incontro hanno partecipato e dato il loro contributo anche Lucio Saltini e Marino Malaguti dell’associazione Africa Libera di Carpi.