Fiorano a trent’anni dalla caduta del muro di Berlino


Muro di Berlino (foto di Luigi Ottani)

Il progetto ‘Vista sull’Europa’, è un progetto promosso dai Comuni di Maranello e Fiorano Modenese in collaborazione con l’associazione Babelia & C.- progetti culturali ed è  cofinanziato dalla Regione Emilia-Romagna, nell’ambito del bando per interventi di promozione e sostegno della cittadinanza europea – anno 2019.

La rassegna prende ufficialmente avvio al cinema teatro Astoria di Fiorano Modenese, domani sabato 9 novembre alle ore 17, con l’incontro sui “Trent’anni dalla caduta del Muro di Berlino”. Ne parleranno Gigi Riva (editorialista e inviato de L’Espresso) e Pierluigi Senatore (giornalista di Radio Bruno), che condurranno una riflessione allargata a partire dalla costruzione del Muro, alla visita di Kennedy, fino all’agosto 1989, quando i tedeschi, rompono la rete della ‘cortina di ferro’ che divideva l’Europa, in Ungheria, preludio alla distruzione del muro di Berlino, nel novembre dello stesso anno. Le conseguenze di quell’avvenimento, che ha cambiato la Storia, sono state numerose e dirompenti: la nascita dei nazionalismi, il conflitto balcanico, la divisione della Cecoslovacchia, il secessionismo catalano e quello fiammingo, finanche alla Lega di Bossi del 1996 e alla catena umana sul Po. Per arrivare ai nostri giorni con i muri anti migranti in Ungheria, Austria, Serbia, Bulgaria.

Il progetto “Vista sull’Europa” è ricco e proseguirà fino a ben oltre metà dicembre. Si tratta di un ciclo di incontri con esperti, concerti e workshop gratuiti ed aperti a tutti, per conoscere, partecipare e riflettere sull’Europa, recuperando le ragioni e il senso d’identità europea nella comunità locale, incoraggiando ponti e dialoghi tra le giovani generazioni, i cittadini e le cittadine più adulti, con l’obiettivo di diffondere la conoscenza del progetto dell’Unione Europea, i processi di integrazione, i diritti e doveri derivanti, per diventare cittadini europei protagonisti del presente, con uno sguardo propositivo rivolto al futuro.

La rassegna è a cura di Roberta Biagiarelli e l’ingresso agli incontri è libero.