Emiliana Rottami, presentata offerta per il sito di via Verdi e salvaguardia posti di lavoro

Il Gruppo Sibelco ha presentato al Tribunale un’offerta per l’acquisto del sito di via Verdi di Emiliana Rottami, dopo che da qualche mese aveva attivato un contratto di servizio per il parziale smaltimento dei cumuli. L’offerta irrevocabile di acquisto prevede l’acquisizione del sito con conseguente bonifica delle montagne di vetro di via Verdi e la salvaguardia dei posti di lavoro per i dipendenti attualmente in cassa integrazione. Le prospettive di sviluppo sono state presentate questa mattina in Villa Boschetti con una conferenza stampa presieduta dal Sindaco Francesco Zuffi e dal Consigliere regionale Luca Sabattini.

Da luglio 2019 l’Amministrazione ha intavolato una serie di confronti con tutte le parti coinvolte al fine di verificare l’opportunità di un subentro nell’attività aziendale di Emiliana Rottami che da qualche mese era in regime di fallimento. Il primo esito di questi incontri è stata la sottoscrizione del contratto di servizio fra Tribunale e Gruppo Sibelco per lo smaltimento di almeno 2mila/tonnellate mese dal sito di via Verdi. La scadenza di questo contratto al 31 dicembre 2019 era fissata per dare modo al gruppo di valutare la presentazione di un’offerta d’acquisto.

“È un risultato di grandissima importanza per il nostro territorio e per la nostra comunità” – ha detto nella conferenza stampa di questa mattina il Sindaco Francesco Zuffi – “La cessione del sito di via Verdi presuppone infatti la bonifica dell’area e lo smaltimento completo dei cumuli. Ma c’è di più: questa soluzione salvaguarderà anche i lavoratori, che saranno reimpiegati nel nuovo impianto. Si profila così anche una soluzione per le famiglie dei 38 lavoratori che riusciranno a concludere l’anno con più serenità per il proprio futuro. Ora occorrerà un lavoro con la Regione, le parti sociali e i sindacati per dare continuità alla cassa integrazione fino all’attivazione del nuovo impianto che consentirà di riprendere il lavoro”. “L’Amministrazione Comunale – continua il Sindaco – ha avuto un ruolo fondamentale per raggiungere questo risultato e, anche se il lavoro continuerà nei prossimi mesi, credo di non esagerare nel definire questa una svolta storica per il nostro territorio, che porterà verosimilmente alla soluzione di uno dei problemi più annosi della nostra comunità”.

Gli fa eco il Consigliere regionale Luca Sabattini che ha dato un contributo non indifferente alle trattative: “È stato un lavoro faticoso che ad un certo punto sembrava inconcludente, ma la volontà di tutte le parti di portare a casa un ottimo risultato ha permesso il raggiungimento di questa risoluzione. Nei prossimi mesi ci metteremo al lavoro per il sito di via Bonvino verso cui il Gruppo Sibelco ha già mostrato interesse”.

La procedura – Oggi non si può ancora parlare formalmente di acquisizione da parte del Gruppo Sibelco perché la presentazione dell’offerta darà seguito ad una gara ad evidenza pubblica che sarà aggiudicata entro la seconda metà di gennaio. La procedura avrà come base l’offerta che il Tribunale ha ricevuto da Sibelco che è però irrevocabile quindi certa di andare buon fine se non ci saranno altri soggetti interessati. Altre offerte potrebbero però essere solo migliorative delle condizioni sopra espresse.

“Il lavoro non finisce con via Verdi – prosegue il Sindaco – perché questo progetto offre una prospettiva di soluzione anche per i cumuli di via Bonvino. Il gruppo Sibelco ha infatti già iniziato il prelievo di materiale in questo sito già durante questi cinque mesi del contratto di somministrazione. Abbiamo ricevuto garanzie perché questo possa essere consolidato con la costruzione del nuovo impianto, offrendo una prospettiva di smaltimento anche per via Bonvino che si può concretizzare in qualche anno. Il nostro obiettivo è certificare tutto questo nelle prossime settimane per mettere nero su bianco i propositi già espressi ai tavoli di concertazione”.