Trasporto: eseguiti controlli sulle linee scolastiche TPER Nonantola – Modena


L’Amministrazione Comunale di Nonantola interviene sulle problematiche segnalate in merito alle corse scolastiche TPER “Nonantola – Modena”.

A seguito dell’esposto in tema di trasporto pubblico locale TPL presentato alla Prefettura da parte di genitori di ragazzi di Nonantola sono state effettuate delle verifiche. Il vettore TPER ha eseguito dei controlli sulla tratta e, in particolare, anche un sopralluogo il 04/10/2019 presso l’Autostazione di Nonantola alla presenza di tecnico e amministratori comunali.

Esito controllo di TPER: anticipati gli orari di partenza ed arrivo per una distribuzione più omogenea degli utenti.

Il monitoraggio ha evidenziato che seppur i carichi siano elevati, essi non oltrepassano i limiti di capienza relativi ai mezzi a disposizione, limiti che vengono calcolati sommando i posti seduti con quelli autorizzati in piedi. Il monitoraggio ha invece messo in evidenza una distribuzione ineguale dei passeggeri sui diversi mezzi di passaggio all’Autostazione di Nonantola. In particolare, alcuni ragazzi hanno fatto presente l’impossibilità per loro di salire sulle ultime corriere altrimenti non sarebbero arrivati in orario a scuola, motivo per cui tendevano ad affollare i mezzi con orario di partenza anticipato. Per garantire che tutte le corse potessero giungere in tempi utili all’Autostazione di Modena e al Polo Leonardo e facilitare una distribuzione più omogenea degli utenti sui diversi mezzi, l’Agenzia della mobilità di Ferrara AMI ed il vettore TPER hanno concordato per tali corse di anticipare gli orari di partenza ed arrivo, a partire dal 4 novembre 2019. In questo modo i ragazzi si sono potuti distribuire più equamente su tutti i mezzi a disposizione arrivando in orario a Modena.

Esito controlli Polizia Locale di Nonantola: non sono state riscontrate anomalie.

Dopo la richiesta di informazioni della Prefettura del 07/02/2020 la polizia Locale ha eseguito ulteriori controlli al Terminal bus di Nonantola. Nel corso dell’attività non sono state riscontrate anomalie di carico o sovraffollamento di passeggeri. Va sottolineato che su tutti i mezzi sono previsti posti in piedi omologati che variano dalle 28 unità fino alle 94 unità in funzione della tipologia del mezzo, secondo quanto riportato dalla carta di circolazione. In alcuni bus sono stati rilevati oltre 50 posti ancora disponibili in piedi.