Covid-19, alcuni cantieri sospesi su richiesta delle ditte, altri proseguono con tutte le misure di sicurezza


Sono sospesi i lavori della rotatoria a Campogalliano all’incrocio tra la provinciale 13 e via Fornace e i lavori di manutenzione sul ponte del Mulino del grillo a Lama Mocogno. Sono i primi effetti sui cantieri della Provincia di Modena del decreto relativo alle attività produttive che ha introdotto una serie di misure di sicurezza e contrasto alla diffusione del virus Covid-19. Proseguono, invece, garantendo tutte le sicurezze, buona parte dei cantieri sulle scuole superiori.

Sono state le ditte stesse a chiedere alla Provincia la sospensione di alcuni lavori per motivi di sicurezza, difficoltà a reperire i materiale necessari, oppure per problemi legati alla logistica che in alcuni casi, come per i lavori a Campogalliano, potrebbero essere superati nelle prossime settimane, consentendo la ripresa dell’intervento.

«Stiamo raccogliendo le richieste da parte delle ditte di interrompere temporaneamente i lavori – afferma Gian Domenico Tomei, presidente della Provincia – con la consapevolezza che occorre garantire innanzitutto la sicurezza dei lavoratori e il rispetto delle misure di contrasto della diffusione del virus. Nei prossimi giorni altri cantieri previsti potrebbero non aprire».

Sospeso anche il cantiere della variante stradale sulla provinciale 468 in comune di Carpi, al confine con  Correggio.

In Appennino, oltre ai lavori sul ponte del Mulino del grillo, che resta transitabile a senso unico alternato, con divieto ai mezzi di peso superiore alle 6,5 tonnellate e limite di velocità a 30 chilometri orari, sono stati sospesi e rinviati al dopo emergenza anche i lavori di manutenzione previsti nei prossimi giorni, sul ponte sullo Scoltenna, lungo la provinciale 4 Fondovalle Panaro, e lungo la provinciale 26 a Castagneto di Pavullo per la messa in sicurezza del versante.

Sono invece partiti oggi e proseguiranno per tutta la settimana i lavori di  sistemazione del versante stradale lungo la provinciale 324 a Sestola.

Il servizio provinciale Viabilità garantisce anche gli interventi urgenti e i servizi essenziali sulla rete degli oltre mille chilometri di strade provinciali.

LAVORI IN SICUREZZA IN DIVERSE SCUOLE: AL BAROZZI, SELMI E A VIGNOLA, OK AI LAVORI ESSENZIALI   

Per quanto riguarda i cantieri della Provincia, in corso in diverse scuole superiori modenesi per realizzare ampliamenti, manutenzioni ed adeguamenti normativi, sono sospesi i lavori per il miglioramento sismico della sede dell’istituto Spallazani, nell’edificio delle ex scuole Messieri a Castelfranco Emilia; proseguono, invece, garantendo il rispetto delle norme di sicurezza, i lavori di miglioramento sismico al Barozzi a Modena, al Corni di Modena, in largo Aldo Moro sulla palazzina E, e quelli di ampliamento del Selmi al polo Leonardo e del polo Levi-Paradisi a Vignola.

I lavori sulle facciate esterne, sempre al Corni di largo Aldo Moro, non è stato riavviato dopo la pausa invernale; altri cantieri che dovevano partire in questi giorni sono stati rinviati all’estate, sempre su richiesta delle ditte.

Proseguono, invece, tutte le attività, obbligatorie per legge, relative alle verifiche periodiche e le manutenzione ordinarie degli impianti speciali come le luci di emergenza, gli impianti di messa a terra, impianti e presidi antincendio, estintori, porte Rei in quanto legate a servizi essenziali.

SESTOLA, AL VIA I LAVORI SULLA SP 324 – A SESTOLA STRADA CHIUSA FINO A VENERDI’ 20 MARZO

A Sestola sono iniziati regolarmente, lunedì 16 marzo, i lavori sulla strada provinciale 324 nel tratto compreso tra la rotatoria dello “sciatore” fino a via del Maneggio, in corrispondenza della località Madonna dei Faggiotti, nel centro abitato di Sestola nei pressi del cimitero. A seguito dell’intervento la strada resterà chiusa al transito veicolare e pedonale per tutta la durata dei lavori, prevista fino a venerdì 20 marzo.

Il provvedimento è stato deciso dalla Provincia di Modena per consentire la manutenzione delle reti paramassi a protezione della strada e la rimozione a scopo preventivo di alcuni massi sulla scarpata a monte.

In questi giorni, infatti, dai sopralluoghi effettuati dagli operatori del servizio provinciale Viabilità, all’interno delle reti si è verificato un eccessivo accumulo di detriti che potrebbe comprometterne l’efficienza.

I lavori saranno eseguiti dalla Cooperativa forestale Boschiva per un importo pari a 16 mila euro.