Polizia Locale Terre di Castelli ed emergenza Corona virus, in dieci giorni 20 denunce


Continuano i controlli da parte del Corpo Unico di Polizia Locale dell’Unione dei Comuni “Terre di Castelli” riguardo al rispetto del Decreto Ministeriale dell’11 marzo scorso e successivi, che impone ai cittadini di restare nelle proprie abitazioni, ad eccezione di chi deve spostarsi per validi e comprovati motivi di lavoro o di salute.

Dal 12 marzo, giorno in cui sono iniziate le verifiche sulle strade dei comuni dell’Unione, fino alla giornata di ieri 22 marzo, sono stati effettuati complessivamente 155 servizi di pattuglia, con il controllo di 692 persone e di 33 esercizi commerciali. A seguito di questi controlli, sono state denunciate 20 persone per il mancato rispetto del Decreto Ministeriale.

Tra i diversi casi, venerdì scorso una pattuglia ha denunciato a Castelnuovo un 47enne residente a Modena, che si era recato in questo comune per andare a trovare un amico. Nella stessa giornata, nell’area delle scuole medie di Savignano, sono stati denunciati tre ragazzi, di età compresa tra i 18 e i 20 anni, che si erano ritrovati tra di loro, sempre senza validi motivi. Si erano invece dati appuntamento per bere qualche bicchiere insieme un 39enne e un 44enne sabato sera a Vignola, presso l’area della autostazione. Anche per loro, è scattata una denuncia penale per il mancato rispetto del decreto che impone alla popolazione di restare chiusa in casa presso la propria residenza, al fine di arginare la diffusione dei contagi da coronavirus.

Ancora, ieri la denuncia è scattata anche nei confronti di un 61enne residente a Modena, che è stato “pizzicato” a campeggiare con il suo camper non lontano dal Parco dei Sassi di Roccamalatina, in territorio di Guiglia. Denunciati poi, sempre ieri, anche due amici di 21 e 22 anni, sorpresi in auto a Vignola, mentre stavano facendo un giro la per la città senza validi motivi.

“Ringrazio il Corpo Unico di Polizia Locale per quanto sta facendo, peraltro con grande attenzione ed efficacia”, commenta Fabio Franceschini, presidente dell’Unione. In questo momento, rispettare le regole è la cosa più importante di tutti, se vogliamo fermare il virus. Esprimo quindi una profonda gratitudine nei confronti della nostra Polizia Locale”.

“Mi congratulo con il Corpo Unico di Polizia Locale per i controlli effettati – dichiara Simone Pelloni, assessore alla sicurezza dell’Unione – e colgo l’occasione per ribadire, ancora una volta, l’importanza di rimanere a casa per arginare il prima possibile la diffusione del contagio. I controlli continueranno anche in questi giorni, per scoraggiare il più possibile quei comportamenti che mettono ulteriormente a repentaglio la salute pubblica”.

Questa mattina intanto, sempre nell’ottica di adottare tutte le misure utili a contrastare la diffusione del contagio, è stata effettuata una sanificazione straordinaria della sede centrale della Polizia Locale e dei mezzi utilizzati per il pattugliamento stradale