Scoperta a Modena una frode milionaria sugli oli lubrificanti

I funzionari dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli (ADM) dell’Ufficio di Modena hanno scoperto un traffico di oli lubrificanti, provenienti da diversi paesi dell’Est Europa e destinati ad una società di Modena, che ha permesso di accertare un’evasione complessiva di accise e IVA per circa 8 milioni di euro, oltre a sanzioni per più di 7 milioni di euro.

Il meccanismo prevedeva che l’acquisto in Belgio degli oli lubrificanti fosse effettuato da parte di una società fittizia bulgara e poi lo stesso prodotto, con una triangolazione, fosse inviato nel nostro Paese riuscendo in tal modo ad evadere l’imposta dovuta.
L’ufficio di Modena, in collaborazione con il locale Comando Provinciale dei Carabinieri, attivando i meccanismi di cooperazione amministrativa con altri Stati membri nonché con l’attivazione della Convenzione Napoli II, è riuscito a ricostruire la tecnica fraudolenta e a risalire agli autori della frode, condannati nei giorni scorsi dal Tribunale di Modena a due anni e quattro mesi di reclusione.